• facebook
  • linkedin
  • rss
La Fascia al nostro fianco

La Fascia al nostro fianco

Incontriamo molto facilmente lo stupore della gente che, leggendo un’indagine che afferma l’esistenza di un’ernia, dice: “ma io non sapevo di aver un’ernia! Non ho mai sentito nulla!” oppure l’inverso: “ma se la RMN dice che non ho ernie, da dove arriva tutto questo male?!”

Spiegare alla gente che possono essere molteplici e altre le cause di malesseri e non per forza un’ernia, o meglio che un’ernia possa essere asintomatica (ossia non creare alcuna dolenzia alla struttura) sembra affermare un’assurdità. In realtà ciò può corrispondere al vero, perché il corpo si più adattare a un’ernia facilmente (a seconda della tipologia della stessa, dell’idratazione del corpo, della posizione in cui si crea, delle abitudini quotidiane della persona).

È la fascia la maggior responsabile delle sensazioni di rilascio, rigidità, agilità, dolore, benEssere e contenimento. E cosa Agisce sulla Fascia? Quel’è il suo compito? …cos’è la Fascia?

 

La fascia è quella struttura composta da tessuto collagene che percorre tutto il corpo, ricopre, protegge, articola e armonizza i movimenti tra muscoli, articolazioni, ossa. Ogni parte del Corpo è ricoperta dalla Fascia. La fascia interviene monitorando, adattando, registrando, coordinando, NUTRENDO, mandando segnali. La fascia mantiene memoria di un gesto motorio e lo coordina, nelle sue molteplici composizioni.

La struttura e la “salute” della Fascia dipende dallo stile di vita, dagli stress meccanici ai quali ripetutamente sottoponiamo il corpo, dall’alimentazione, dall’idratazione della stessa, dall’attività sportiva che facciamo, dai “vizi” posturali che adottiamo quotidianamente, etc. Essa può tradurci i segnali del corpo, manifestare a distanza un sovraccarico articolare piuttosto che muscolare, un rilascio tensivo o leggerezza; saperla “leggere” e considerarla è una grande risorsa.

Facilmente possiamo comprendere che non è la struttura ossea la nostra principale struttura “portante”, bensì la Fascia.

Dunque, se un’Ernia viene facilmente contenuta da una Fascia, o la stessa si adatta per la nuova conformazione senza che il corpo ci mandi nessun tipo di segnale, vuol dire che il nostro corpo riesce ad adattarsi a un buon stile di vita anche in presenza di un’ernia (della quale possiamo ignorarne l’esistenza anche per anni prima di verificarne la presenza attraverso immagini diagnostiche).

 

Quanto detto finora non vuole essere legge assoluta e non vuole sottovalutare l’importanza di un’immagine (come RMN) che evidenzia un’ernia; vuole però ricordare che è molto più importante ascoltare ciò che il proprio corpo dice prima di allarmarsi e ricordarsi che A VOLTE ci sono ernie che sono del tutto asintomatiche che sono entrate a far parte della fisiologia (normalità) di un corpo piuttosto che di un altro.

 

Preoccuparsi a mantenere uno stile di Vita Sano,

bere tanta Acqua,

fare costantemente Sport,

Ascoltarsi,

Comprendere dentro di se i Segnali del nostro Corpo,

chiedere talvolta alcune informazioni a chi ne sa più di noi (anche solo per uno studio diverso),

informarsi, aggiornarsi con curiosità,

Respirare,

Mantenere la Mente Viva con delle Passioni, etc.

Sono buone Abitudini per provvedere al mantenimento della propria salute fisica, spirituale e mentale. E tutte queste Abitudini vengono monitorate e registrate dalla Fascia.

Possiamo aiutarti per torcicollo e dolori interscapolari, cefalee, cervicalgie, contratture stiramenti e strappi muscolari, disfunzioni vertebrali, recupero funzionale post-traumatico lombalgia, Lombosciatalgia. Sedute di Fisioterapia Riabilitativa, Riflessoterapie, Linfodrenaggio manuale, Applicazione taping Kinesiologico, Tecar Terapia T Unibell, Sessioni di Respiro. Massoterapia decontratturante, distrettuale e rachide in toto. Terapie Fisiche: Jonoforesi, Galvanoterapia, T.E.N.S., Diadianamiche, Elettrostimolazione, Ultrasuoni a manipolo e subacquei, Magnoterapia locale e Pressoterapia.

Inserisci un tuo commento