• facebook
  • linkedin
  • rss
Il Massaggio del Bambino, l’importanza del Contatto e le Funzioni dell’organo Pelle

Il Massaggio del Bambino, l’importanza del Contatto e le Funzioni dell’organo Pelle

In Occasione del corso di massaggio del bambino,

di seguito qualche riga sull’importanza del Tatto e del ConTatto,

con qualche informazione sulla Pelle, l’organo più esteso che esista.

Spesso sottovalutato in importanza, è il primo organo di “definizione” e protezione

oltre che ad essere quello più a “contatto” con i nostri sensi, cure e quotidianità.

La pelle proviene dallo stesso foglietto embrionale del cervello

e ha comunicazioni dirette con lo stesso per quanto riguarda segnali in entrata o emozioni.

Qui lo definiamo l’organo del Tatto…

La Comunicazione più potente, “pulita” e diretta che esiste.

 

Sia nel mondo degli adulti che in quello dei bambini

il contatto, gli atteggiamenti e la comunicazione non verbale sono spesso più incisivi e diretti delle parole.

Potete facilmente recuperare nella Vs memoria degli accadimenti giudicati spiacevoli e piacevoli

proprio per l’importanza del tipo e della qualità di contatto che avete preso con la persona.

 

Di seguito qualche riflessione e concetti

tratti dalla ricerca di Tesi di insegnante di massaggio infantile di Mangili Annamaria.

 

Al concepimento di una Nuova Vita, la Pelle è il primo ed il più esteso organo a formarsi, ed
è perfettamente funzionante già nell’esistenza acquatica (quella uterina).
La pelle è una barriera PERFETTA: protegge dall’acqua, regola la giusta temperatura e i
mutamenti neurali, chimici e fisici.
Inoltre, nel momento della nascita (quando di colpo prende contatto con un ambiente più
complesso) essa è un organo già pronto ad affrontare le nuove “sfide” come: i movimenti
d’aria, di gas, gli attacchi dei parassiti, di varie particelle come virus e batteri; la pelle
regolarizzerà la differenza di pressione (interna ed esterna), avrà a che fare con una
nuova umidità, luce e radiazioni.

L’accrescimento e lo sviluppo della pelle prosegue per tutta la vita,
lo sviluppo della sua sensibilità dipende dal genere di stimolazione ambientale che riceve.

Per il bambino il tatto è la Prima Esperienza del “mondo esterno”.
Il Tatto ha incidenza sia sulla crescita (aumento delle dimensioni fisiche) che sullo
sviluppo (crescita dell’individuo nel complesso), tramite la stimolazione del mondo esterno.

Il contatto è NUTRIMENTO del sistema nervoso ed è necessario per il corretto sviluppo 
dello stesso.

I momenti in cui il bambino ha più bisogno di contatto sono i cosiddetti “momenti di transizione”:
lo svezzamento, lo spazio ludico tra gli 8-9 mesi, tra i 18-36 mesi con l’acquisizione del
controllo sfinterico, il passaggio all’asilo nido, alle elementari, si fa più delicato con l’età
dell’adolescenza e… Alla nascita di un fratellino o sorellina.
Utile da ricordare è quanto sia importante il contatto quando il bambino è ospedalizzato.

Il Tatto consolida la Sicurezza del bambino.
 
Riportiamo alcuni dati sensibili per comprendere l’importanza della pelle e del tatto:
– il tatto esiste già quando l’embrione misura solo 2,5 cm;
– il tatto si sviluppa a meno di 8 mesi di vita dell’embrione, quando ancora non si sono sviluppati
ne occhi ne orecchie;
– è il primo senso a formarsi;
– in 1 cm quadrato ci sono 5000 recettori nervosi;
– la pelle è l’organo più esteso perché va dai 2500 cm quadrati di un neonati ai ben 18000 cm
quadrati di un adulto;
– la pelle ha 4 funzioni importantissime:
1. difesa dagli agenti meccanici
2. è un organo di senso
3. è un regolatore di temperatura
4. ha funzione metabolica (con la traspirazione immagazzina grassi, acqua e sali minerali)

Utile è anche sottolineare gli effetti della stimolazione tattile precoce, molto più accentuati
dunque prima dello svezzamento:
– aumenta il senso critico e la gestione dello stress e delle emotività;
– aumenta il peso corporeo (fino a 47%);
– facilita le funzioni metaboliche;
– aumenta le capacità di apprendimento;
– favorisce la vivacità e la curiosità;
– favorisce lo sviluppo corporeo e scheletrico (test su una bambina di 1 anno e mezzo
regolarmente massaggiata dalla mamma risultavano pari in sviluppo a una bambina di 3 anni
che non aveva mai ricevuto massaggi);
– alcuni ormoni in grado di reagire all’ambiente influiscono sul timo. Essendo il timo una 
ghiandola importante per la creazione della struttura immunologica, ecco che il massaggio
può favorire anche lo sviluppo del sistema immunologico;
– favorisce lo sviluppo della memoria;
– il massaggio favorisce la formazione di un organismo EMOTIVAMENTE SODDISFATTO.

Il Contatto è la Comunicazione più diretta che Esista.
È Comunicazione Sicura che ha bisogno dell’Accettazione del ricevente, senza di essa
nulla Accade.
È una Comunicazione che si fonda sul Rispetto, il Silenzio e l’Ascolto Attivo.

Nina
 

Tramandare qualche piccolo segreto tecnica e informazione sul massaggio

alle mamme che poco alla volta prendono sicurezza nello STARE accanto al loro piccolo

rispondendo da sole ai loro piccoli grandi dubbi grazie alle Sicurezza che la comunicazione tattile con i loro piccoli sa dare

è un’Esperienza davvero Bella.

 

Quando osservo le mamme che massaggiano il proprio bambino durante i corsi

in realtà assisto alla Nascita e accrescimento di una Nuovo Mondo fatto di una comunicazione Unica, intima e completa.

Possiamo aiutarti per torcicollo e dolori interscapolari, cefalee, cervicalgie, contratture stiramenti e strappi muscolari, disfunzioni vertebrali, recupero funzionale post-traumatico lombalgia, Lombosciatalgia. Sedute di Fisioterapia Riabilitativa, Riflessoterapie, Linfodrenaggio manuale, Applicazione taping Kinesiologico, Tecar Terapia T Unibell, Sessioni di Respiro. Massoterapia decontratturante, distrettuale e rachide in toto. Terapie Fisiche: Jonoforesi, Galvanoterapia, T.E.N.S., Diadianamiche, Elettrostimolazione, Ultrasuoni a manipolo e subacquei, Magnoterapia locale e Pressoterapia.

Inserisci un tuo commento